helpdesk stretta

Al via l’help-desk “Accesso SPRAR”, un servizio di supporto agli enti locali

Eventi e notizie, News

Garantire supporto agli enti locali che intendono aderire per la prima volta alla rete di accoglienza dello Sprar e agli enti già titolari di uno Sprar intenzionati a presentare un nuovo progetto per una diversa categoria di beneficiari. E’ l’obiettivo del nuovo servizio di help desk “Accesso Sprar” sostenuto dal Ministero dell’Interno e realizzato da Anci in collaborazione con la Fondazione Cittalia e il Servizio centrale dello Sprar.

Gli enti locali potranno rivolgersi al servizio, accessibile unicamente tramite casella di posta elettronica accesso.sprar@cittalia.it, per ricevere chiarimenti ed informazioni relative alle modalità di accesso allo Sprar, alle linee guida sul funzionamento della rete e alla fase di preparazione e di presentazione della domanda di contributo per l’attivazione di nuovi progetti. Inoltre, l’help-desk fornisce informazioni di base sulle diverse modalità e fasi che caratterizzano la gestione e l’esecuzione dei progetti Sprar al fine di orientare nel miglior modo possibile i potenziali nuovi soggetti aderenti.

Attivo dal 10 marzo, il servizio di help-desk svolgerà le sue funzioni in coordinamento con gli strumenti di back e front-office già esistenti, tra cui la linea dedicata 06.8881.7287 sul Decreto del Ministero dell’Interno del 10 agosto 2016 e la casella di posta elettronica clausolasalvaguardia.immigrazione@anci.it per il monitoraggio dell’applicazione della clausola di salvaguardia.

Il 15 marzo, dalle ore 10.30 alle ore 11.30, avrà luogo il webinar informativo sui servizi ANCI a supporto dei Comuni per l’accesso allo SPRAR.

L’iscrizione al webinar si può effettuare qui

Il webinar sarà strutturato in due panel:

– Il nuovo servizio Help Desk “Accesso SPRAR”

– Istruzioni generali per la compilazione della domande di accesso al Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo

Il webinar è aperto alla partecipazione di tutti gli enti locali che intendono presentare per la prima volta domanda di contributo finalizzata all’attivazione di un progetto SPRAR sul loro territorio, nonché agli enti locali che siano già titolari di uno SPRAR ma che intendono presentare una nuova domanda di contributo per una diversa tipologia di accoglienza.

Nei prossimi giorni – sui siti dello Sprar, di Anci e della Fondazione Cittalia – sarà disponibile un video tutorial per meglio illustrare le modalità di accesso alla rete SPRAR.

Condividi