Piano di ripartizione e Clausola di salvaguardia

Guarda le slide e il Webinar informativo.

 

Piano Nazionale di ripartizione dei richiedenti asilo e rifugiati

Per un sistema unico di gestione ordinaria, diffusa, equa e programmata dell’accoglienza

 

La clausola di salvaguardia

La direttiva del Ministro dell’Interno dell’11 ottobre 2016 – relativa alle regole per l’avvio di un sistema di ripartizione graduale e sostenibile dei richiedenti asilo e rifugiati sul territorio nazionale attraverso lo Sprar – prevede una “clausola di salvaguardia” che rende esenti dall’attivazione di “ulteriori forme di accoglienza” quei Comuni che appartengono alla rete Sprar o che hanno manifestato la volontà di aderirvi.

La “clausola di salvaguardia” deve applicarsi nella misura in cui il numero di posti SPRAR soddisfi la quota di posti assegnata (a ciascun Comune) dal Piano Nazionale di ripartizione richiedenti asilo e rifugiati.

È stata quindi attivato l’account clausolasalvaguardia.immigrazione@anci.it  riservata agli Enti Locali che volessero porre domande o avere maggiori informazioni.

Leggi la direttiva del ministro dell’Interno dell’11 ottobre 2016

Webinar

Il Sistema Sprar: opportunità e modalità di adesione alla rete